Sulla ragione.

[Esperimenti post-poetici v 1.0]

Sulla ragione.

Quando un corpo si incontra con l’altro
disse una voce lontana,
le cose ci appaiono per quello che sono.
Immanenti. Sensuali.
“Vattene!” Gli rispose un’altra.
“No! Io resto”

E disse ancora con voce sorridente:
“Se questa è la fine di un ordine,
la caduta della ragione anche solo per un dì
il mondo troverà qualcosa per cui,
in tutti questi anni,
è valsa la pena esistere”

This entry was posted in Flussi creativi. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *