L’inganno.

Ingannati dalla musica siam ora ben lontani dagli stati di prima, e lei è sempre presente. Non son bugie, ne menzogne, ma l’inganno è tratto e non ci si può sottrarre. Ci rivela chi siamo e la nostra potenza. Ci sussurra incertezze, semina sensazioni, ci avvicina uno con l’altra. Un attimo prima sei qualcuno, un attimo dopo sei tutt’altro.

Ci disordina i piani, crea qualche timore e qualche paura; ma poi è li a conforto, ti prende per mano e ti ama. Come lei non lo fa nessuno.

Ecco che allora ti si avvicina, si insinua piano piano e come d’incanto stai amando e sei amato. Frutto delle sue abilità è la tua compagna, amica, amante, sorella. I sogni ad occhi aperti sembran veri, prova che l’inganno è in atto, inutile sottrarsi. Inutile provarci.

Ma è un inganno piacevole, uno di quelli che cambia le carte in tavola, le regole del gioco, ed ecco che di tante cose ne plasma una grande e meravigliosa. Evocativa di cose d’ogni genere, è proprio quel suo spirito maligno che ci attrae così tanto, che fa si che muoviamo i nostri corpi a ritmo per tutta la notte, felici per i sogni evocati, ebri del ritmo, consci dell’inganno.

This entry was posted in 23, Flussi creativi. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *